Questo articolo è stato letto 21 volte

Esonero oneri concessori per ampliamento di un impianto di gestione dei rifiuti

Esonero oneri concessor

Un imprenditore presenta un progetto di ampliamento di un proprio capannone già esistente, allo scopo di utilizzarlo per l’attività di raccolta e trasporto dei rifiuti (anche speciali e pericolosi), selezione, imballaggio e stoccaggio provvisorio e attività di raccolta differenziata e recupero e, a seguito di variante al vigente piano di fabbricazione, ottiene il permesso di costruire. Poiché l’opera è stata assentita anche dalla Provincia, che ha autorizzato l’ampliamento dell’attività di gestione del ciclo dei rifiuti, l’imprenditore richiede l’esonero degli oneri ex art. 17 comma 3 lett. c) del Testo Unico Edilizia (DPR n. 380/2001), secondo cui il contributo di costruzione non è dovuto “per gli impianti, le attrezzature, le opere pubbliche o di interesse generale realizzate dagli enti istituzionalmente competenti nonché per le opere di urbanizzazione, eseguite anche da privati, in attuazione di strumenti urbanistici”.
Il Comune respinge la richiesta di esonero perché difettano i requisiti previsti dalla norma per l’operatività dell’esenzione.
Il diniego del Comune è legittimo, come ricordato dal TAR Puglia, sez. III Lecce, nella sent. 18 luglio 2017 n. 1231.

>> CONTINUA A LEGGERE IL QUESITO RISOLTO QUI.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>