Questo articolo è stato letto 135 volte

Installazione tenda su balcone condominiale: il limite del decoro

installazione-tenda-su-balcone-condominiale-il-limite-del-decoro.jpg

In quali problematiche ci si può imbattere installando una tenda da sole sulla facciata condominiale? In tale caso infatti l’installazione del manufatto si inserisce in un più ampio contesto, cioè la facciata.

Il primo limite che si ravvisa in questo senso è il seguente: non si possono infatti installare manufatti che possano turbare in maniera significativa ed apprezzabile l’armonia ed unità di linea del fabbricato, provocando un mutamento peggiorativo consistente dell’aspetto estetico dello stesso (in questo senso interessante la sentenza della Cassazione n. 4475/1987).

Sotto tale profilo, al fine di evitare inutili contestazioni circa l’incidenza di tale installazione sul decoro architettonico, è necessario affermare che risponde ad una regola di prudenza del condomino, ottenere il preventivo consenso di tutti i condomini.

L’art. 1122 del codice civile, nella nuova formulazione introdotta dalla riforma, impedisce espressamente a tutti i condomini di eseguire, nell’unità immobiliare o nelle parti normalmente destinate all’uso comune, che siano state attribuite in proprietà esclusiva o destinate all’uso individuale, opere od impianti lesivi del decoro architettonico dell’edificio.

Leggi anche l’articolo Condominio: la valutazione giudiziale del decoro architettonico.

Ma la novità di maggior rilievo è contenuta nel secondo comma del nuovo articolo 1122 c.c. secondo cui “in ogni caso è data preventiva notizia all’amministratore che ne riferisce all’assemblea”. Tale espressione, pur nella sua infelice formulazione in relazione al titolo, si riferisce alla sola ipotesi di esecuzione di opere in grado, quand’anche in misura minima, di arrecare danno (estetico) alle parti comuni.

Qualora, invece sia il regolamento di condominio a vietare espressamente qualsiasi modificazione dell’originario aspetto esterno dell’edificio, l’installazione in facciata sarebbe da intendersi del tutto vietata. E nel caso in cui sia l’assemblea condominiale, in ragione del suo potere di regolare il diritto dei singoli condomini all’utilizzo della cosa comune, a deliberare la tipologia delle tende da sole da installare in facciata? Per chiarire tale fattispecie ed esplorare in maniera agile ed operativa le problematiche afferenti alla disciplina dei balconi nel condominio Maggioli Editore suggerisce il pratico e-book intitolato I balconi in condominio, redatto dall’esperto Giuseppe Bordolli.

Dopo una presentazione iniziale sui balconi e le facciate, l’e-book prende in esame il concetto di decoro architettonico, analizzando i lavori e le modifiche effettuate su balconi e facciate che possono alterare e il decoro e che vanno contro il regolamento di condominio. Una vera e propria guida pratica basta sulle novità normative della riforma e sui più recenti orientamenti della giurisprudenza su in materia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>