Questo articolo è stato letto 0 volte

Riforma catasto: i dubbi di Confedilizia sulle commissioni censuarie

riforma-catasto-i-dubbi-di-confedilizia-sulle-commissioni-censuarie.gif

La riforma generale del catasto ha ricevuto la scorsa settimana la prima spinta verso l’efficace attuazione: il primo schema di decreto attuativo (consultalo qui), quello relativo alle commissioni censuarie, è stato presentato proprio negli scorsi giorni e già diverse opinioni si sono sovrapposte in merito alla efficacia e correttezza dell’inaugurazione del processo di revisione di una materia così importante (anche per le tasche degli italiani).

Il parere su cui si è concentrata l’attenzione prevalente degli organi di comunicazione è stato quello manifestato da Confedilizia: “Il catasto – afferma un comunicato dell’associazione – è da secoli uno strumento di garanzia dei contribuenti, e valutiamo quindi con estremo favore il fatto che lo schema di decreto legislativo in materia di Commissioni censuarie locali e centrale affidi importanti funzioni ai presidenti di Tribunale e ai prefetti, che sono entrambi istituti di garanzia, che godono nel Paese di ampia fiducia”.

Ma ci sono anche le dolenti note: le critiche presentate alla bozza di revisione da parte dell’organizzazione storica della proprietà immobiliare non sono infatti state leggere. Dal provvedimento emergerebbe infatti “un chiaro tentativo di limitazione dell’intervento delle Commissioni censuarie nella definizione del nuovo Catasto, che il Parlamento ha invece profilato come costruito in contraddittorio fra le parti. Anche a questo proposito, come per altri punti, occorre superare ogni condizionamento della burocrazia centrale e ritornare allo spirito originario”.

Una riforma, quella del catasto, tutta da esplorare e comprendere con attenzione, visto il rilievo che assume in termini anche economici per i contribuenti in relazione alle (temutissime) imposte sulle casa.

Ed in tema di approfondimenti vi anticipiamo che domani su Ediliziaurbanistica.it sarà pubblicato un interessante focus del presidente di AGEFIS Mirco Mion in merito all’anagrafe immobiliare integrata come elemento strategico della riforma del catasto. Rimanete connessi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>