Questo articolo è stato letto 3 volte

Piano Casa Veneto, ok Regione allo sblocco pratiche pendenti

Dalla giunta regionale del Veneto arriva l’ok per sbloccare le pratiche pendenti del Piano Casa, ovvero alcune centinaia di domande che, a causa dell’assenza di un regime transitorio tra nuova e vecchia norma, erano rimaste congelate.

L’assenso e’ stato dato da Marino Zorzato, vice-presidente della giunta regionale con delega all’Urbanistica, nel corso di un convegno promosso quest’oggi dall’Ance del Veneto, in collaborazione con Ance Padova e Confindustria Padova, al Centro congressi della Camera di Commercio di Padova.

La questione delle domande bloccate riguarda quelle pratiche avanzate sulla base della vecchia legge (la 14/2009) prima del 9 luglio, il giorno in cui e’ entrato in vigore il Piano Casa bis, e di fatto rimaste congelate dalla nuova legge che lascia ai Comuni la possibilita’ di decidere entro il 30 novembre il grado di applicabilita’ della norma per quanto riguarda le seconde abitazioni e le prime case nei centri storici.

Per le prime case fuori dai centri storici, invece, la legge e’ entrata in vigore da subito.

”La giunta regionale – e’ stata la richiesta di Luigi Schiavo, presidente di Ance Veneto – potrebbe sbloccare tali pratiche con una circolare esplicativa, che avrebbe subito efficacia e che toglierebbe da pesanti conseguenze economiche quei cittadini che avevano presentato domanda con la vecchia legge, contraendo oneri finanziari e contrattuali, e lasciati fino a questo momento con il dubbio di poter andare avanti o meno”.

Fonte: Asca

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *